Antico Dipinto Raffigurante Fattoria Bramasole

Agriturismo
Agriturismo Bramasole & Ginestra
Toscana - Pisa
      

Agriturismo 3 Spighe Massimo Riconscimento Regione Toscana
Massimo riconoscimento
della Regione Toscana


Agriturismo con Marchio di Qualità
Agriturismo con Marchio
di Qualità 2005-2006
Nel corso della Storia, gli usi dello zafferano sono stati molteplici. Gli Egizi lo usavano come unguento e profumo, i Fenici e gli Etruschi lo commerciavano a peso d'oro come colorante e per preparazioni culinarie; nel Medioevo lo si utilizzava perfino come moneta di scambio nelle compravendite immobiliari per la sua lunghissima conservazione e per l'elevato valore economico unito alla facilità di stoccaggio e conservazione. Si dice anche che, per il suo profumo inebriante, lo zafferano fosse utilizzato per preparare pozioni afrodisiache, mescolandolo con miele, chiodi di garofano, pepe, noci moscate...'


Lo Zafferano è oggi famoso soprattutto per le sue virtù gastronomiche e benefiche.

Si tratta di un fiore (Crocus sativus) che, piantato in Agosto, sboccia nei campi durante la prima metà di Ottobre. I suoi petali hanno un colore che varia dal lilla al viola purpureo. All'interno della corolla si trovano tre fili, detti "stigmi", di colore rosso vermiglio: proprio da questi si ricava la deliziosa polverina. Tuttavia noi dell'Agriturismo Bramasole e Ginestra preferiamo lasciare integri gli stigmi senza ridurli in polvere: solo così, infatti, il consumatore può avere la garanzia che lo zafferano utilizzato nei propri piatti sia purissimo.


 

Tutte le operazioni di coltivazione, raccolta e confezionamento sono effettuate a mano. Per la raccolta, ci si reca nel campo all'alba, quando i fiori sono ancora semichiusi, così da preservare al meglio la fragranza aromatica degli stigmi in essi contenuti.Dopodiché ci spostiamo in casa, di fronte al caminetto, per staccare gli stigmi da ogni fiore. Per fare un grammo di zafferano sono necessari circa 150 fiori... Gli stimi sono poi fatti essiccare in forno a bassissima temperatura. Ogni bustina, contenente 0,10 grammi (sufficiente per un risotto per 4 persone), è il prodotto di circa 15 fiori, quindi 45 stigmi.

Lo zafferano è prezioso come antiossidante, contro l'invecchiamento cellulare, proprietà che il fiore conserva integra anche dopo la cottura. Gli stessi principi attivi che contribuiscono a dare allo zafferano la sua tipica dominante giallo-arancio (crocetina, crocina, picrocrocina) sono presenti in tutta la frutta e in tutta la verdura, solo che nello zafferano raggiungono una concentrazione elevatissima.
Sorprendentemente, lo zafferano ha mille volte più carotenoidi della carota (intorno all'8% del peso, contro lo 0.008%). La quantità di zafferano presente in un piatto di risotto o di pasta (50 mg) ci fa eliminare una quantità di radicali doppia rispetto a quelli eliminati dalla vitamina C e sei volte di più di quelli eliminati dalla vitamina E.